Come si realizza un piano editoriale per i social network

Cos’è un piano editoriale? E come studiarlo?

Un piano editoriale è documento in cui, durante la sua stesura, vengono inserite tutte le attività strategiche da svolgere nel breve e nel lungo termine per rafforzare la propria presenza online ed ottenere risultati con il blog e i social network.
E’ possibile crearne uno per qualsiasi social network, come ad esempio Facebook, Instagram e Twitter.
Realizzare un piano editoriale per i social network è un’attività fondamentale per chi si trova a gestire un’azienda tramite social.
Prima di studiare un piano editoriale, è bene conoscere a fondo la propria azienda, quindi avere un’idea chiara dei prodotti e i servizi, dei punti di forza e di debolezza e dei valori aziendali. I primi punti da affrontare riguardano:

  • La scelta degli obiettivi, è di fondamentale importanza stabilire fin dal principio quali sono gli obiettivi che si vogliono perseguire, per non rischiare di investire tempo e denaro inutilmente: per fare ciò bisogna conoscere a fondo l’azienda e il mercato, analizzando il tutto attraverso un’attenta analisi sia dell’azienda che del mercato. Gli obiettivi possono riguardare la reputazione del brand, la promozione di un dato prodotto o servizio oppure la voglia di farsi conoscere in un determinato ambiente o zona.
  • L’individuazione del target, di fondamentale importanza è anche l’individuazione del target di riferimento, cioè del tipo di pubblico e cliente a cui si vuol fare riferimento. In base a questo poi, si effettuerà la scelta dei toni da utilizzare, ma anche la scelta delle zone o dei luoghi in cui andare a promuovere determinati servizi o prodotti. Dall’individuazione del target dipende poi anche la scelta del contenuto e delle tempistiche dei post di cui ora parleremo.
  • Contenuto e tempistica dei post, è indispensabile, decidere in anticipo quale sarà la tipologia di contenuto da postare e soprattutto con quale tempistica farlo. La scelta della tipologia dei contenuti è generalmente molto ampia, soprattutto se non ci si limita a postare semplici testi. È possibile, infatti, pubblicare foto, immagini e video. Anche la tempistica assume un ruolo di fondamentale importanza, scegliere quindi quanti contenuti postare ogni tot di tempo e quanto spesso farlo.
  • Ricerca delle parole chiave, bisogna quindi passare da un’accurata ricerca delle parole chiave, rimanendo al passo con le tendenze. Questo è possibile attraverso numerosi tool, come ad esempio Google Trends, che garantiscono un efficace ricerca delle parole chiavi.

Come stilare ed usare un piano editoriale?

Dopo aver preso appunti, stilato la lista degli obiettivi, aver individuato il target, aver preso una decisione riguardo al tipo di contenuto e alla tempistica relativa alla pubblicazione dei post, arriva il momento di stilare il piano editoriale per i social network.
Un piano editoriale, più è ben strutturato, più offre la possibilità di organizzare il lavoro nel modo più preciso e ben fatto possibile.
Un piano editoriale per i social network, va stilato attraverso l’utilizzo di tool e attraverso la calendarizzazione.
L’ultimo step riguarda proprio la calendarizzazione dei contenuti: in questo calendario andrà programmato tutto ciò che riguarderà i post. Andrà quindi inserita la data e l’ora di pubblicazione, il titolo del post, le principali parole chiave, i vari tag e hashtag.
Secondo i Social Italiaonline il miglior social per cui creare un piano editoriale è senz’altro Facebook in grado di rendere virali e coinvolgenti molti tipi di contenuti: basti pensare ai meme o alla challenge che spesso si vedono girare sul web.